Dragon Ball Z: The Fall of Men

C’è un’intera generazione che ormai ruota attorno ai 30 anni che è cresciuta con Dragon Ball. C’è poco da fare, complice la riprogrammazione senza mezze misure fatta da Mediaset per lucrare fino all’ultimo sul brand, ma la serie di Akira Toriyama è entrata di prepotenza nello scatole chiamato Immaginario collettivo. A conti fatti, le avventure di Goku e amici hanno avuto lo stesso impatto culturale che Goldrake e robottoni ebbero sulla generazione precedente. Quindi è anche abbastanza ovvio che a qualcuno prima o poi venga la folle idea di ridare lustro e onore ai suoi eroi d’infanzia, anche perché c’è una cosa che nemmeno un Super Sayan di terzo livello non potrà mai sconfiggere: la Nostalgia.

Dragonball-Z-The-Fall-of-Men-trailer-del-film-progetto-indipendente-francese-2
Chi non muore, resuscita…

Dragon Ball Z: The Fall of Men è una fan movie di 28 minuti realizzato da due ragazzi francesi, Yohan Faure e Vianney Griffon. A dire il vero, navigando nell’internet, viene fuori che i due ci avevano già provato un paio d’anni fa a mettere in piedi il progetto, tramite una campagna su Indiegogo. Una raccolta fondi che chiedeva 12500 dollari , ma che si chiuse alla misera soglia del 16%. Ora i due sono tornati sotto il nome di BlackSmokeFilms, ma non più con solo un paio di idee e un trailer posticcio, ma con un prodotto finito e pronto alla condivisione. Non sai dove o come abbiano recuperato i fondi, ma ti piace pensare che sia stato lo stesso Toriyama a procurargli i soldi. Un modo come un altro per scusarsi con tutti i fan per lo scatafascio totale che fu Dragon Ball Evolution.

tumblr_n14av3OPqI1tsb9keo1_1280
Tutto questo fa ancora male al cuore

The Fall of Men è ambiento nel futuro di Trunks, per capirsi quello dove Cell ha fatto man bassa di tutti e si diverte ad andare in giro a far scoppiare cose e a far sparire gente. Quindi, mentre i vari eroi della saga vengono sconfitti, Bulma e il padre cercano di costruire una macchina del tempo per tornare nel passato e sconfiggere Cell. ATTENZIONE SPOILER: si, ce la faranno. Nel mentre Trunks gira con la motoretta e una spada palesemente di plastica vinta a qualche pesca di beneficenza. Il problema di alcune di queste produzioni home made, oltre al budget limitato, è la tendenza ad essere quanto più fedeli possibili al materiale originale, facendo risultare tutto ridicolo. Perchè un conto è un ragazzo volante con i capelli viola in un cartone, un conto è un ragazzo volante con i capelli viola in un film.

capture_decran_2015-11-12_a_16.05.50
Lo so, sembra altro…

Ma i due francesi sono furbi e filtrano tutto con l’Effetto Nolan. L’Effetto Nolan va molto ad Hollywood e prevede di prendere una serie/fumetto/cartoon decontestualizzare il soggetto, umanizzare i protagonisti e rendere tutto cupo. Molto, molto cupo. L’Effetto Nolan è di base un filtro dark messo sopra ad una storia, perché il dark piace. Perchè il dark fa molto adulto e giustifica lunghe sequenza silenziose con volti corrucciati e pugni chiusi. E la pioggia. Tanta, tantissima pioggia scura.

maxresdefault
Effetto Nolan alla massima potenza

Alla fine però ne esce un prodotto godibile e secondo te sopra la media. Certo, all’inizio fatica ad attecchire sullo spettatore e la voce narrante quasi diventa fastidiosa. Però poi grazie a continui riferimenti buttati qua e là alla saga di Dragon Ball, e soprattutto grazie a due piccole chicche sul finale, questo Dragon Ball: The Fall of the Men ti ha strappato un applauso. Perfino lo scontro con Cell, sebbene realizzato interamente in CGI, ti è piaciuto. Certo, ricorda tantissimo (e forse anche volutamente) lo scontro tra Neo e l’agente Smith nel terzo pietoso Matrix, ma a conti fatti ne escono vincitori i due amici francesi e non i due Wachowski Brothers.

Non sai quale futuro attenda The Fall of Men, se una battaglia legale come per i Power Ragers, o una mini serie come per Mortal Kombat. Ovvio che tu speri nella seconda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...